Thank you for your patience while we retrieve your images.
Visitors 64

An ongoing project consisting of drone photography of the river Panaro and its overflow basin in the province of Modena throughout the seasons. All photos taken with DJI Phantom 4 Pro or Air 2S drones.

Un progetto fotografico a lungo termine nato con l'intento di documentare il fiume Panaro e la sua cassa d'espansione durante le varie stagioni dell'anno. Tutte le foto sono state effettuate con drone DJI Phantom 4 Pro o Air 2S.

Il Panaro è un fiume dell'Emilia-Romagna che trae le sue origini dall’Appennino tosco-emiliano, scende verso nord immerso nel paesaggio collinare poi scorre per un lungo tratto nella pianura padana prima di sfociare nel Po nei pressi di Bondeno.
È l’ultimo affluente di destra e in assoluto del fiume Po (se si eccettua il Cavo Napoleonico che in realtà è un affluente artificiale solo per brevissimi periodi in occasione delle maggiori piene del Reno).
Il corso del Panaro si trova quasi interamente nella provincia di Modena a parte il breve tratto finale nel ferrarese. Il suo corso propriamente detto ha una lunghezza di 115 km ed inizia a partire dalla confluenza tra i fiumi Scoltenna e Leo, sito di un’importante battaglia nel 642 tra il re longobardo Rotari e i romani e i ravennati.
Il suo bacino è ampio (2.292 km²), identico come estensione a quello della Secchia, l’altro fiume principale della provincia di Modena.
Il fiume attraversa una grande varietà di ambienti naturali, semi-naturali e antropizzati, alcuni fortemente degradati. Trae origini da una complessa rete di fiumi, fiumiciattoli e torrenti che scendono in prevalenza dallo spartiacque appenninico compreso fra il bolognese massiccio del Corno alle Scale (1.945 m s.l.m.) ed il modenese Monte Spicchio. Il bacino di raccolta comprende quindi alcuni laghi importanti dell’alto Appennino modenese come Lago Pratignano, Lago Santo e Lago Baccio.
Il tratto appenninico segue quasi interamente la strada provincial SP4 (Vignola-Fanano) e sbuca nell’estremità sud della pianura padana tra Marano sul Panaro e Vignola. Il tratto montano e collinare è caratterizzato da calanchi e diverse cave di ghiaia. Sfiora il Parco Regionale dei Sassi di Rocca Malatina, mantenendo un corso indirizzato verso nord e segnando il confine tra i comuni di Marano sul Panaro e Guiglia.
Il bacino fra Marano, Vignola e Spilamberto attraversa importanti zone agricoli (coltivazioni di frutta).
Tra Spilamberto e Modena si trova la “cassa di espansione del fiume Panaro”, un sito che comprende diversi specchi d'acqua originati da attività estrattive colonizzati da numerose specie animali e vegetali. Il sito è di grande interesse naturalistico.