Visitors 1

Il fiume Panaro è un corso d'acqua emblematico dell'Emilia-Romagna, che scorre principalmente nella provincia di Modena e per un breve tratto in quella di Ferrara, rivelandosi un elemento vitale per l'ecosistema e le comunità locali. Nasce dall'Appennino tosco-emiliano, un'area caratterizzata da un ventaglio complesso di rii e torrenti che disegnano un paesaggio ricco e variato, spartiacque tra i massicci del Corno alle Scale e del Monte Spicchio. Le sorgenti del Panaro si trovano a quote superiori ai 1.500 metri di altitudine, testimoniando l'origine appenninica del fiume.
Il fiume si sviluppa lungo un percorso di circa 148 chilometri, iniziando dalla confluenza dei suoi due rami sorgentizi, lo Scoltenna e il Leo, e mantiene una portata piuttosto variabile, con marcato carattere torrentizio. Il regime idrologico del Panaro è fortemente influenzato dalle stagioni, oscillando tra magre estive estreme e abbondanti flussi durante le piene autunnali, spesso mitigati da casse di espansione situate a monte di Modena.
Il fiume scorre verso nord attraverso scenari montani e collinari fino a raggiungere la pianura, dove il suo letto si allarga e diventa navigabile poco prima della confluenza con il Po, poco a ovest di Ferrara. Questo tratto finale segna l'incontro del Panaro con il più grande sistema fluviale del nord Italia, dopo aver attraversato una serie di paesaggi che includono foreste, parchi regionali come quello dei Sassi di Roccamalatina e centri urbani.
L'etimologia del nome "Panaro" è fonte di dibattito; una teoria suggerisce che derivi dal verbo dialettale "panèr", che significa "marcire", in riferimento alla stagnazione delle sue acque in pianura. Un'altra ipotesi lo collega al termine latino "panarium", che significa "paniere", evocando la forma che il fiume assume vicino a Modena.
Storicamente, il Panaro ha avuto un ruolo significativo per le comunità locali, non solo come fonte di acqua e risorsa per l'irrigazione, ma anche come via di navigazione. Questo fiume ha segnato il paesaggio e la storia delle regioni che attraversa, da antiche battaglie, come quella in cui il re longobardo Rotari sconfisse i Bizantini, fino a disastri naturali, come le frequenti alluvioni che hanno stimolato la costruzione di opere idrauliche avanzate per il controllo delle esondazioni.
La sua importanza per le popolazioni locali si estende oltre l'uso pratico; il Panaro rappresenta un aspetto fondamentale dell'identità regionale, influenzando la cultura, l'economia e il benessere delle comunità attraverso le quali scorre. Offre inoltre diversi tratti ciclopedonali che valorizzano il suo corso come luogo di ricreazione e scoperta naturalistica, testimoniando la varietà e la ricchezza dei paesaggi dell'Emilia-Romagna.


An ongoing project consisting of drone photography of the river Panaro and its overflow basin in the province of Modena throughout the seasons. All photos taken with DJI Phantom 4 Pro or Air 2S drones.

Un progetto fotografico a lungo termine nato con l'intento di documentare il fiume Panaro e la sua cassa d'espansione durante le varie stagioni dell'anno. Tutte le foto sono state effettuate con drone DJI Phantom 4 Pro o Air 2S.
Il fiume Panaro nasce sotto Fanano dalla confluenza di Rio Scoltenna e il fiume LeoLa confluenza in autunnoPonte sullo ScoltennaGuardando a valle dalla confluenzaPonte Via ChiozzoPonte SP 27Ponte SP 27Ponte SamoneCasonaPonte ferroviario con Savignano sul Panaro in alto a destra